La coltivazione Idroponica e il futuro dell'agricoltura - Growrilla Hydroponics

La coltivazione Idroponica e il futuro dell’agricoltura

Come possiamo produrre abbastanza cibo per sostenere una popolazione crescente?
Coltivare piante senza terreno potrebbe essere la risposta!

Con una popolazione mondiale vicina a 7,5 miliardi di persone  e la prosperità globale e il desiderio di cibi più ricchi di risorse crescono troppo  è chiaro che l’agricoltura deve diventare più produttiva.

Un modo per soddisfare le future esigenze alimentari potrebbe essere la coltivazione idroponica: coltivare piante senza suolo, invece usare una soluzione ricca di sostanze nutritive per fornire acqua e minerali alle loro radici. Nonostante sembri qualcosa di fantascientifico, non è niente di nuovo.

Gli Aztechi costruirono fattorie galleggianti intorno alla città insulare di Tenochtitlan, e l’esploratore Marco Polo scrisse di aver visto i giardini galleggianti durante i suoi viaggi attraverso la Cina del XIII secolo. Negli anni ’30, Pan American Airways aveva fondato una fattoria idroponica su una remota isola del Pacifico per consentire ai suoi voli di rifornirsi di cibo in viaggio verso l’Asia.

Come funziona la coltivazione idroponica?

Nell’agricoltura convenzionale, il suolo supporta le radici di una pianta  aiutandola a rimanere in piedi fornendo i nutrienti di cui ha bisogno per crescere. Nell’idroponica, le piante sono artificialmente supportate e una soluzione di composti ionici fornisce invece sostanze nutritive. Esistono diverse tecniche di coltivazione idroponica se sei interessato leggi la nostra guida: Tecniche di coltivazione Idroponica

E’ difficile la coltivazione idroponica?

Gestire e mantenere un sistema idroponico  può essere complesso. Le piante richiedono più di una dozzina di nutrienti essenziali, con una quantità ottimale di ciascuna variabile a seconda delle specie , della fase di crescita e delle condizioni locali, come la durezza dell’acqua.

Guarda i nostri sistemi Idroponici! Abbiamo sistemi di qualsiasi dimensione, in base alle tue esigenze!

Inoltre, alcuni composti reagiscono tra loro per formare sostanze che sono più difficili da assorbire, e quindi devono essere forniti separatamente. I coltivatori idroponici devono avere una solida comprensione di come le piante e i nutrienti interagiscono e devono monitorare da vicino le loro soluzioni e rispondere a qualsiasi cambiamento di concentrazione.

Gli agricoltori devono anche proteggere le loro soluzioni nutritive dall’essere contaminati da sostanze indesiderate. Racchiudere sistemi idroponici all’interno di edifici o serre è un modo comune per evitare contaminazioni delle piante.La coltivazione idroponica permette anche  di controllare e ottimizzare altre influenze ambientali sulla crescita delle piante come temperatura, luce e CO 2  aumentando ulteriormente i raccolti.

Cosa si coltiva con la coltivazione Idroponica?

Teoricamente, l’idroponica può essere utilizzata per coltivare qualsiasi tipologia di pianta. Tuttavia, la tecnica viene principalmente utilizzata con piante che crescono in modo efficiente in condizioni idroponiche, come insalata, cetrioli, peperoni ed erbe. Più comunemente è usato per coltivare pomodori in idroponica.

Foto realizzata nei nostri laboratori

A differenza del grano che non viene coltivato in idroponica.

Esempi di coltivazione idroponica

Nel 2013, Thanet Earth, il più grande complesso di serra del Regno Unito, con sede nel Kent,  ha utilizzato la coltivazione idroponica per produrre circa 225 milioni di pomodori, 16 milioni di peperoni e 13 milioni di cetrioli, che equivalevano rispettivamente al 12, 11 e 8% dell’intera produzione annuale della Gran Bretagna di queste colture. Attualmente gestisce quattro serre e ha in programma di costruirne altre tre.

Globalmente, è stato stimato che il settore agricolo idroponico valesse $ 21,4 miliardi nel 2015, con un valore stimato in crescita del 7% all’anno. Lentamente ma costantemente, l’agricoltura sembra cambiare.

Ma allo stesso modo, ci sono grandi cambiamenti globali all’orizzonte e questi potrebbero accelerare enormemente l’uso di agricoltura controllata dell’ambiente. Entro il 2050, 3 miliardi di persone in più potrebbero vivere sulla Terra, con oltre l’80% della popolazione globale che vive nei centri urbani. Stiamo già utilizzando la stragrande maggioranza di terreni adatti ad aumentare le colture, quindi è necessario trovare nuove aree di coltivazione, in particolare nelle regioni aride.

Una soluzione molto discussa è l’agricoltura urbana verticale – la creazione di fattorie idroponiche impilate all’interno di edifici, inclusi grattacieli alti. Ciò risolverebbe il problema di esaurire i terreni agricoli disponibili e collocare le fattorie proprio nel punto in cui sono necessarie le colture – le nostre città densamente popolate del futuro. Le fattorie verticali sono già state costruite in Michigan e Singapore – e persino in rifugi antiaerei dismessi nella zona sud di Londra.

E, mentre progetta missioni spaziali umane che viaggeranno sempre più lontano dalla Terra, la NASA sta studiando se l’idroponica possa essere utilizzata per creare fattorie spaziali per nutrire gli astronauti. Lavorando con l’Università dell’Arizona, sta vedendo se è in grado di creare un sistema a circuito chiuso che alimenta rifiuti umani e CO 2 in una fattoria idroponica per creare cibo, ossigeno e acqua.

Conclusioni

La popolazione sta crescendo, i terreni da utilizzare iniziano a scarseggiare e la coltivazione idroponica può aiutarci a risolvere qualche problema futuro!

Se sei interessato alla coltivazione idroponica visita il nostro negozio!


Benvenuto in Growrilla Hydroponics! Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per tracciare gli utenti sul nostro sito web. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra cookie policy o facendo clic sulle impostazioni per personalizzare le tue preferenze.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

When you visit a website, it may store or retrieve information on your browser, mainly in the form of cookies. Check your personal cookie services here.


Alcuni cookie consentono ai siti di capire come i visitatori interagiscono con le loro proprietà. Ad esempio, Google Analytics, un prodotto Google che aiuta i proprietari di siti e app a capire come gli utenti interagiscono con un servizio, utilizza un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google. Il cookie principale utilizzato da Google Analytics è "_ga". Questo cookie consente a un servizio di distinguere un utente dall'altro e dura 2 anni. Viene usato da qualsiasi sito che implementa Google Analytics, inclusi i servizi Google.
  • Google Analytics
  • Google TagManager

Refuse all services
Accept all services